barcellona

Cosa vedere a Barcellona in 5 giorni, foto e consigli

Rating: 5.0. From 2 votes.
Please wait...

Molte persone ogni anno decidono di visitare Barcellona in 5 giorni. Se anche tu sei una di queste ti interesserà conoscere il miglior itinerario per visitare la città e non perderti proprio nulla!

VORRESTI COMPRARE CASA A BARCELLONA MA NON SAI DA DOVE INIZIARE? TI AIUTIAMO NOI!Scopri come avere un'assistenza professionale in italiano

Barcellona è il cuore pulsante della Catalogna, con i suoi antichi monumenti, le strade che pullulano di gente, i ristoranti e i locali dove assaggiare i piatti tipici del luogo.

C’è solo l’imbarazzo della scelta per chi decide di trascorrere una vacanza di 5 giorni in questa città. Ecco un itinerario con le più belle attrazioni da visitare, così potrai organizzare al meglio il soggiorno, senza rischiare di tornare a casa con il rimpianto di aver tralasciato qualcosa di importante.

barcellona

Itinerario del primo giorno

Il primo giorno, una volta depositate le valigie nel vostro hotel, potrai avvicinarti alla cultura locale partendo dalle più belle opere d’arte dell’architetto Antonio Gaudì.

barcellona
Sagrada Familia

Si inizia dalla storica Sagrada Familia, famosa basilica diventata nel tempo uno dei luoghi simbolo della città. Merita di essere visitata per godere da vicino della straordinarietà dei dettagli: le numerose sculture, le guglie, i soffitti altissimi.

Nella parte esterna, sulla facciata, si può ripercorrere tutta la vita di Gesù, dalla nascita alla morte. Un vero e proprio inno alla religione cristiana.

Salendo su fino al campanile vi attende invece una vista mozzafiato sulla città intera.

Casa Battlò è un’altra interessante opera di Gaudì: un palazzo in pieno stile Modernista che si propone ricco di sorprese in ogni suo angolo. Basti pensare che è stata riconosciuto come Patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

Muovendoti tra i piani e le varie stanze, entrerai a pieno nel genio creativo dell’architetto.

Potrai avviarti poi verso La pedrera, chiamata in realtà Casa Milla. Si tratta di un altro imponente palazzo dove è d’obbligo la visita al tetto: qui tra camini e scale ammirerete vere e proprie opere d’arte.

Per finire la giornata dedicata al grande Antonio Gaudì non si può rinunciare a una passeggiata al Parc Guell. Dall’alto di una collina, potrai scegliere se rilassarti nel verde del parco o ammirare da vicino la zona monumentale, con tutte le sue attrazioni.

 

Secondo giorno

Siamo al secondo giorno e ti aspetta ancora tanto da visitare. Prima tappa della mattinata è La Rambla, il famosissimo viale cittadino che si estende dalla statua di Cristoforo Colombo, che si affaccia sul mare, fino alla Plaza de Catalunya.

rambla barcellona
La Rambla

Sono diverse le cose da vedere sulla Rambla, piccoli scorci di vita quotidiana ma anche musei importanti, come quello delle cere, con i personaggi più famosi della storia. E ancora fai attenzione ai mosaici di Mirò lungo il viale o alla Casa Cuadros, vecchio negozio di ombrelli. Lo riconoscerai dalla presenza di un dragone cinese che scruta dall’alto, insieme ai tanti ombrelli appesi sulla parete.

Mentre passeggi dai un’occhiata al numero civico 91. Lì troverai La boqueria, il coloratissimo mercato di Barcellona chiuso all’interno di un edificio in ferro. Ti aspettano le signore negli abiti tradizionali con i loro prodotti locali. Un tripudio di profumi e sapori per immergersi a pieno nella vita del posto.

Prosegui sempre lungo la Rambla e fermati a sorseggiare l’acqua della Fontana di Canaletes, luogo di ritrovo dei tifosi del Barcellona. Avviandoti verso la fine del viale, incontrerai un altro luogo storico, Placa Catalunya. Da questa piazza, situata proprio al centro cittadino, partono le principali strade.

Inoltre qui si dividono la parte vecchia della città da quella nuova, punto nevralgico commerciale. Il quartiere che costeggia la Rambla merita di essere visitato: si chiama Barrio Gotico ed è un vero e proprio viaggio nel passato, tra ristoranti, piccoli locali, ma anche librerie e vecchie botteghe. Inoltre qui si trovano anche la Cattedrale di Santa Eulalia e il Museo dedicato a Picasso.

 

Terzo giorno nel verde

Diopo due giorni immersi tra i turisti e il clamore cittadino, una sosta tra i parchi è d’obbligo, soprattutto se avete bisogno di rilassarvi. Ecco allora un percorso studiato per farvi visitare le principali attrazioni del luogo.barcellona

Iniziamo dal Montjuic, il Monte degli Ebrei, chiamato così in onore di un vecchio cimitero ebraico. Questo parco è situato su una collina e al suo interno ci si può perdere tra i vari giardini tematici.

Vi è il giardino botanico, quello dedicato ai cacuts e il giardino del Teatro Greco, con una sua fedele riproduzione. Sembra di essere al centro del mondo, tante aree tutte diverse e da esplorare, respirando a pieni polmoni tra alberi e fiori. Qui si trova anche la famosa Fontana Magica, oramai meta ambita di tutti i turisti che ogni sera, d’estate, si radunano per partecipare ad uno spettacolo di giochi d’acqua, luci e colori al ritmo della musica. Sempre all’interno del parco, potrete anche visitare musei e importanti impianti sportivi.

Un altro luogo incontaminato e lontano dal traffico cittadino è il Parc de la Ciutadella, oggi punto di raccolta di artisti di strada. Qui potrete deliziarvi con un giro in barca nel piccolo laghetto oppure organizzare un pic-nic e sdraiarvi sul prato. Non mancano ovviamente le bellezze architettoniche, come il Castello dei tre dragoni o l’omaggio a Picasso di Antoni Tapies.

Chiudiamo la giornata infine con il Parco del labirinto d’Horta, che ospita il giardino più antico della città di Barcellona. Se non siete troppo stanchi potrete sfidare la vostra intraprendenza nel Labirinto di cipressi oppure passeggiare tra il Giardino dei bossi, con sculture vegetali davvero uniche.

Parco del Labirinto d’Horta

Quarto giorno: shopping e non solo

barcellona
Centro commerciale Maremagnum

Barcellona è un miscuglio di arte, cultura, razze, ma è anche un luogo dove poter fare dello shopping perdendosi tra le vie storiche o nei moderni centri commerciali.

Oltre a La rambla c’è anche un altro importante viale, Passeig de Gracia, antica via romana che ospita negozi di lusso e importanti brand del settore.

Passeggiando non potrai non notare i numerosi palazzi modernisti, come Casa Fuster o Manzana de la Discordia, per citarne solo alcuni. Qui si trova anche Portal del Angel, una strada oggi riservata unicamente ai pedoni, che nell’antichità veniva chiamata Portal del Orbs. Il viale unisce Placa Catalunya all’Avinguda Diagonal.

Altra zona ideale per chi vuole dilettarsi con gli acquisti è il quartiere Born, nella Città Vecchia. Stiamo parlando di una zona storica, un tempo meta di viandanti e centro folcloristico della città, oggi rinomato per le sue botteghe e i locali. Per lo shopping potrai concentrarti su Carrer de l’Argenteria e Carrer de la Princessa, dove avrai l’occasione di scovare anche pezzi unici.

E come non fare un salto anche nel centro commerciale più importante di Barcellona? Il Maremagnum si affaccia sul mare, a Port Vell. Resterai colpito dall’architettura moderna ed eccentrica degli esterni, mentre all’interno avrai due piani di negozi da visitare.

Se invece non ne vuoi sapere più di vestiti e gioielli, allora ti attende il Camp Nou. Stiamo parlando dello stadio di calcio più grande di tutta l’Europa, tappa obbligatoria per tutti i tifosi.

 

Quinto giorno al mare

Sei all’ultimo giorno di vacanza, ma ci sono ancora alcune località che meritano di essere visitate prima del rientro. Adesso ci spostiamo quindi sulla zona costiera, cambiando completamente atmosfera.

barceloneta
Barceloneta

Partiamo da Port Vell, il Porto Vecchio, dove avrai l’occasione di fare un bagno in mare, visitare il vicino acquario o stuzzicare qualcosa nei chioschi dislocati lungomare.

Sempre sullo sfondo del mare, degno di nota è il Barceloneta, quartiere popolare dove assaggiare un pizzico di vita locale. Qui non vi sono attrazioni turistiche da visitare, nè monumenti, ma potrai immergerti nei profumi e nel vociare di antiche famiglie di pescatori.

Costruito nel 1992 in occasione delle Olimpiadi, merita una visita anche il Porto Olimpico, con la sua grande balena di bronzo che accoglie i turisti all’ingresso.

Non farti tradire dal nome, qui si trovano circa 85 negozi e le spiagge sono rinomate, tutte dislocate all’interno di un quartiere elegante e nuovo.

Infine, per chiudere la vacanza, lasciati stupire da Poblenou, all’interno del quartiere di Sant Martì. Un tempo area industriale, anche questa zona è stata riqualificata in occasione dei Giochi Olimpici.

Ottimo luogo per concludere la serata in bellezza, sorseggiando un drink lungomare o gustando del buon pesce in qualche ristorante, magari al chiaro di luna.

barcellona

VORRESTI COMPRARE CASA A BARCELLONA MA NON SAI DA DOVE INIZIARE? TI AIUTIAMO NOI!Scopri come avere un'assistenza professionale in italiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *