alimenti fodmap da evitare

I cibi fodmap, perché sono da evitare?

No votes yet.
Please wait...

La dieta FodMap è stata studiata e messa a punto in Australia, dall’Università Monash di Melbourne, allo scopo di trattare la sintomatologia dell’IBS, ovvero la sindrome da intestino irritabile, molto diffusa nel mondo occidentale, in Italia, secondo le stime, ne soffre almeno il 30% della popolazione.

Una delle cause di questa patologia è proprio l’alimentazione che, con le corrette modifiche, può costituirne anche il rimedio.

alimenti fodmap

Cosa significa FodMap

FodMap è un acronimo inglese che, tradotto in italiano, sta per oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli fermentabili. Sono questi carboidrati, o meglio il loro abuso, i responsabili di molti dei nostri problemi gastrointestinali.

I cibi FodMap sono dunque i cibi da evitare per un periodo di tempo limitato come terapia per chi soffre di colon irritabile, gastrite, reflusso e gonfiore addominale.

 

I cibi FodMap, quali sono

I cibi FodMap sono quelli caratterizzati dalla grande quantità di zuccheri contenuti, in Italia la dieta FodMap viene spesso chiamata low fodmap per intendere l’assimilazione di cibi con una bassa o nulla quantità di zuccheri fermentativi. alimenti fodmap

Per limitare i sintomi del colon irritabile è dunque opportuno limitare o eliminare determinati alimenti, ad esempio alcuni tipi di frutta: cocomero, mele, pere e mango sono molto ricchi di fruttosio.

Altri alimenti da evitare sono quelli che contengono lattosio come latte, formaggi freschi e yogurt.

I polisaccardi sono invece contenuti in alcune varietà di verdura e nei legumi, in particolare nei cavoli, nella cipolla, nell’aglio e nei carciofi. Oltre a questi cibi è consigliata la limitazione o eliminazione del consumo di caffè e di bevande alcoliche.

 

Quando è necessaria la dieta FodMap

La dieta FodMap va utilizzata, come abbiamo visto, per ridurre i sintomi dell’intestino irritabile. Non si tratta di una dieta definitiva, di solito viene prescritta per un paio di settimane, è bene consultare un medico prima di iniziare con questo nuovo regime alimentare.

In molti casi viene effettuato un test, il Breath Test, attraverso il quale è possibile verificare la presenza del Helicobacter pylori, un batterio presente nella mucosa dello stomaco. I cibi che vengono ridotti o eliminati devono poi essere reintrodotti in maniera graduale e nelle giuste proporzioni per evitare episodi di malnutrizione per via della monotonia di una dieta priva di molti alimenti.

 

Opinioni di chi ha seguito la dieta FodMap

alimenti fodmap da evitareChi ha problemi intestinali spesso segue una dieta ricca di grassi, la dieta FodMap, limitandone l’assunzione, è efficacie sia per dimagrire sia per avere una stile di vita più sano.

Non è una dieta semplice perché richiede la rinuncia a moltissimi alimenti della nostra quotidianità ma i risultati per chi l’ha provata sono positivi.

E naturalmente l’elenco e le porzioni degli alimenti vanno viste insieme ad un nutrizionista, non tutti i cibi elencati qui sopra a titolo di esempio contengono la stessa quantità di FodMap.

Ad ogni modo, secondo le opinioni di chi ha provato questa dieta, i benefici sono un’immediata riduzione del gonfiore intestinale e la perdita di peso. Secondo una recente ricerca a dieta FodMap è efficace nel 75% dei casi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *