ricette a basso contenuto fodmap

3 ricette a basso contenuto fodmap

No votes yet.
Please wait...

Tra i regimi alimentari più in voga del momento, la dieta FODMAP promette di migliorare la qualità della vita di chi soffre della Sindrome dell’intestino irritabile.

Tuttavia, contrariamente ad altre diete, molto brave nel fare promesse ma molto meno brave nel mantenerle realmente, la dieta FODMAP rappresenta senza ombra di dubbio alcuna una soluzione concretamente tangibile, con risultati positivi che si intravedono già dopo le prime settimane.

Contrariamente a ciò che si potrebbe erroneamente credere, la dieta FODMAP potrebbe apparire come eccessivamente elaborata e complicata, in quanto un numero cospicuo di alimenti dovrebbe essere messo da parte. Tuttavia, tenendo i giusti accorgimenti non solo è possibile sbarazzarsi una volta per tutte della sintomatologia correlata alla Sindrome dell’intestino irritabile, ma vedersi nascere nuovamente un amore per il cibo che fastidi e disturbi sembravano aver portato via per sempre.

In seguito una serie di gustose ricette, tutte aventi come protagonista principale questa dieta innovativa.

 

Insalata di patate e rucola

Si sa, le patate sono una valida soluzione per un pranzo che, nonostante l’estrema semplicità, non intende affatto rinunciare al gusto intramontabile di un tubero utilizzatissimo. Una ricetta, questa, che propone a chi sta seguendo il regime alimentare FODMAP un abbinamento tanto strano quanto intrigante, quello tra patate appunto, ravanelli e rucola.

ricette a basso contenuto fodmapUn mix di consistenze che delizierà i palati di tutti con sapori che si sposano alla perfezione. I ravanelli, dal gusto tendente al dolciastro, ben si sposano infatti ad una rucola che invece propende per un piacevole amarognolo.

Ad aggiungere una avvolgente e cremosa consistenza vi sono infine le patate, le quali staccano gli altri due ingredienti che invece risultano essere croccanti. Queste ultime vanno cotte in acqua che bolle finché non siano diventate tenere.

Una volta raffreddate, vanno tagliare a quadratini, unite a della rucola accuratamente lavata e a ravanelli tagliati a fettine sottili mediante l’ausilio di una mandolina. Al solito filo di olio extravergine di oliva può essere sostituita una salsina di guarnizione composta da olio, sale, pepe e senape.

Prepararla è molto semplice. Basta infatti mettere olio, sale e pepe in una terrina e sbattere il tutto con una frusta, magari aggiungendo il succo di mezzo limone. Tocco finale è costituito dalla senape, che va incorporata al tutto.

 

Penne con rucola, pancetta e pomodorini

Nonostante la ricetta abbia un contenuto molto basso di FODMAP, ciò non significa che debba per forza di cose essere routinaria e monocromatica. ricette a basso contenuto fodmap

Tutti, di tanto in tanto, amano cedere alla gola, con sfizi che innalzano sensibilmente sia il livello di felicità sia una sensazione di appagamento che non guasta mai.

Bacon, prima di tutto, reso croccante semplicemente rosolandolo per qualche minuto in una padella antiaderente con un filo d’olio. Una buona pasta poi, cotta quel tanto per basta per mantenere la classica consistenza al dente.

Rucola e pomodorini infine, da inserire crudi dopo aver provveduto a completare la cottura della pasta. Pochi passaggi per una ricetta succulenta e soavemente squisita, che verrà complatata con un giro di olio a crudo nel finale.

 

Filetto di salmone al forno

Qui, parola d’ordine è ricercatezza delle materie prime. salmone al forno

Il salmone per protagonista, un pesce così pregiato da non tollerare inutili aggiunte che altro non farebbero che inficiare negativamente sul gusto e sulle prodigiose qualità nutrizionali.

Primo passaggio è quello di pre – riscaldare il forno portandolo ad una temperatura di circa 220 gradi. Mentre il forno si sta scaldando, è possibile tagliare piccoli traci di salmone disponendoli con ordine in una teglia oleata per bene.

Prima di inserire la teglia in questione nel forno, si può donare maggiore brio al salmone semplicemente aggiungendo un pizzico di sale, uno di pepe e una manciata di origano essiccato. La cottura in forno si aggira pressappoco sui 10 minuti, ma tutto dipende dalle dimensioni dei filetti scelti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code